A Sarno vola il calcio a 5 femminile. Il team rosa fa sognare

Redazione
Da Redazione dicembre 1, 2014 17:18

Due vittorie ed  un pareggio all’esordio: questo è il bilancio della compagine del calcio a 5 femminile, ultima arrivata nella grande famiglia della Polisportiva Sarnese. 

La rosa comprende ragazze di Sarno e dei paesi vicini che sono all’esordio in un campionato della FIGC. 
Delle venti atlete che orbitano intorno alla squadra solo due hanno già disputato campionati dilettantistici, Francesca Cepparulo, bomber della squadra con 12 realizzazioni in tre gare (la media goal è pari alla somma di Messi e Cristiano Ronaldo insieme) e il portiere Maria Francesca Loffredo che, alcuni anni fa vinse il campionato regionale under 18 con il Futsal Nuceria.
«Devo ringraziare le tre ragazze che mi contattarono – afferma Mimmo Bafurno, dirigente della squadra – in un afoso pomeriggio di luglio, avevo deciso di smettere dopo 5 anni a Nocera e un anno a Pagani, ma l’entusiasmo di Gioia, Caterina e MariaGiovanna, mi spinse a iniziare questa nuova avventura nella mia “nuova casa”. 
Ogni giorno veniva una atleta che voleva giocare e siamo arrivate a venti anche se purtroppo in campo la domenica possono scenderne solo 12. Proposi il progetto al presidente Origo che subito ne fu entusiasta. Ed è proprio l’entusiasmo il filo conduttore della squadra, anche chi non gioca incita le compagne dagli spalti, stiamo creando davvero un bel gruppo».
La squadra è affidata a Roberto Votello, una vita nel calcio a 5, l’artefice di questo miracolo «È la prima volta che alleno, ed è la prima volta che alleno una squadra femminile, siamo entrati subito in sintonia e devo ringraziare le ragazze per l’impegno durante gli allenamenti e per quel che danno in campo la domenica. Ovviamente paghiamo errori di inesperienza soprattutto in difesa, ne siamo convinti che possiamo giocarcela alla pari con chiunque nel nostro girone».
Ultima battuta di capitan Mariagiovanna Guidone: «Avevamo un solo obiettivo ad inizio campionato, divertirci e fare gruppo, ora ci siamo resi conto che possiamo puntare a qualcosa di più».

Redazione
Da Redazione dicembre 1, 2014 17:18

Seguici su…