4 milioni di euro per i familiari delle vittime della frana

Redazione
Da Redazione novembre 27, 2014 16:30

Si attende la seduta di consiglio comunale ad hoc per il pagamento materiale ai familiari delle vittime dell’alluvione del 5 maggio 1998. Saranno risarciti del danno morale dovuto alla perdita dei cari. Sono oltre 4 i milioni di euro da ripartire in 156 quote da 30 mila euro. Nell’ assise tenutasi nella serata di martedì, è stato contabilizzato il contributo di liquidità acceso con un mutuo presso la Cassa depositi e prestiti, per oltre 6 milioni di euro, di cui 4  riservati ai  156 alluvionati costituitisi nel giudizio come parte civile. Ciascuno ha diritto ad una provvisionale di trentamila euro che i giudici hanno quantificato come «pretium doloris».  Il provvedimento portato in aula ha avuto il voto contrario dei consiglieri di opposizione di Fratelli d’Italia, Sebastiano Odierna, Ignazio Ingenito ed Enrico Sirica. Per il pagamento materiale del risarcimento sarà convocata una seduta di consiglio comunale, nella quale verranno riconosciuti i debiti fuori bilancio legati alla questione, dopodiché l’ufficio economico-finanziario del Comune provvederà alla materiale liquidazione. Già nel bilancio di previsione della passata amministrazione erano stati appostati 2 milioni di euro. Il Comune aveva così cercato di evitare le conseguenze di una eventuale «soccombenza» derivante dai giudizi sulla frana. L’aspetto del risarcimento dei familiari era stato poco considerato in un primo momento, arrivando però a far traballare le casse del comune, con la condanna a pagare una cifra a più zeri, ed a far correre ai ripari i funzionari e la passata amministrazione alla ricerca di soluzioni tecniche per evitare il tracollo finanziario. La stima degli esborsi decisi dalla magistratura penale ha comprese le spese legali. Rossella Liguori

 

 

Redazione
Da Redazione novembre 27, 2014 16:30

Seguici su…